sabato 8 agosto 2015

FASI DI CRESCITA SPIRITUALE CHE OGNUNO DI NOI DEVE PERCORRERE SULLA TERRA

Fasi di crescita spirituale che ognuno di noi deve percorrere sulla Terra:
1ª) ATTESA..................................................................................................(Cambiamento)
2ª) RISVEGLIO............................................................................................(Innovazione)
3ª) INCONTRO............................................................................................(Equilibrio)
4ª) INIZIAZIONE.........................................................................................(Consapevolezza)
5ª) RINASCITA............................................................................................(Forza)
6ª) PURIFICAZIONE...................................................................................(Umiltà)
7ª) SUBLIMAZIONE...................................................................................(Sapienza)

1) L'attesa è la prima fase dell'evoluzione spirituale terrena, inizia subito nel bambino appena dopo il taglio del cordone ombelicale. Si formano subito tre piani di energia uno nel punto del plesso, uno nel punto cuore e uno nel punto della mente; la Scintilla Divina si posiziona al centro del piano del plesso e inizia l'attesa. Non è una attesa passiva, l'energia interiore partecipa e segue i primi 5 stadi sensoriali del bambino e i successivi  5 stadi di crescita corporea che portano il bambino a diventare un giovane per poi iniziare i 5 gradi spirituali terreni.
La fase dell'attesa si percepisce quando la scintilla divina dal piano del plesso si accende e l'uomo è spinto a rivedere mentalmente la sua vita ripercorrendone le varie fasi.
Durante l'attesa, insieme a movimenti armonizzanti e musiche vibranti, l'uomo è spinto verso nuovi valori universali del cambiamento e nel punto plesso nascono le prime linee dei sette corpi sottili del piano inferiore del plesso detto anche piano memorizzatore e regolatore.

2) Il risveglio è la seconda fase dell'evoluzione spirituale terrena, inizia quando il giovane comincia a porsi in modo diverso nei confronti della vita.
Tutto ciò che è dentro di sé, intelletto e talento, è rimasto racchiuso fino a che una forza interiore lo schiude e l'uomo è spinto ad analizzare tutto ciò che sa e conosce per mettere le basi del suorinnovamento. Sente il bisogno di cambiare, di cercare di emergere e come la natura rinasce ad ogni stagione così l'uomo si risveglia e si rinnova per proiettarsi verso nuove mete.
Il risveglio viene percepito dall'uomo quando la scintilla divina “balza” dal piano del plesso al piano del cuore, così si rafforza la spinta a continuare mentalmente a ripercorrere le varie fasi della sua vita per andare verso la via del cambiamento.
La fase del risveglio, insieme a movimenti e musiche vibranti, conduce l'uomo ad acquisire il valore universale dell'innovazione e nel punto cuore nascono le linee dei sette corpi sottili del piano centrale del cuore detto anche piano equilibratore e trasmettitore.

3) L'incontro è la terza fase dell'evoluzione spirituale terrena, è una tappa molto importante per la formazione del disegno divino dell'uomo.
Come il bambino viene generato da tre foglietti embrionali analogamente l'uomo è formato da tre energie diverse, ognuna col proprio compito.
Una di queste energie è particolarmente importante perché ha la funzione di unire la parte cerebrale con la parte mentale dell'uomo.
L'unione di queste due forze, l'una materiale e l'altra spirituale, è l’inizio della fase dell’incontro, da questo momento l'uomo è in grado di agire con più equilibrio, con più forza e vigore ma senza che una forza prevalga sull'altra.
La fase dell'incontro viene percepita dall'uomo quando la scintilla divina “balza” dal piano del cuore al piano della mente, così l'uomo, insieme a movimenti armonizzanti e musiche vibranti, acquisisce il valore universale dell'equilibrio e nel punto della mente nascono le linee dei sette corpi sottili del piano superiore della mente detto anche piano mediatore ed elevatore.
Il completamento della terza fase spirituale dell’incontro porta l'uomo alla prima grande meta dell'evoluzione spirituale terrena: la nascita dei 21 corpi sottili interiori.

4) L'iniziazione è la quarta fase dell'evoluzione spirituale terrena, è una tappa che tende a valorizzare il proprio Io per porre le basi per la realizzazione del programma che ognuno di noi ha stabilito prima di nascere.
Attraverso l’iniziazione si comincia a percepire, a livello interiore, le conoscenze e il sapere che si sono acquisiti durante tutte le vite precedenti.
Tutti gli uomini, credenti e non, sono alla ricerca di qualcosa o qualcuno per dare un scopo alla propria esistenza, in ognuno di noi c'è un ricordo: di un suono o di una voce che ci spinge alla ricerca della continuità.
L'iniziazione giunge quando cominciano ad affiorare questi ricordi e si crea la base per tracciare la propria strada dell'evoluzione spirituale terrena.
L'iniziazione conduce l’uomo, insieme a movimenti armonizzanti e musiche vibranti, ad acquisire il valore universale della consapevolezza e le linee dei 21 corpi sottili interiori cominciano a crescere.

5) La rinascita è la quinta fase dell'evoluzione spirituale terrena, l'uomo deve raggiungere la pienezza del suo sapere, solo così può condurre il seme della sapienza al posto giusto cioè nella mente.
La mente si illumina e rinasce lasciando indietro le vecchie esperienze, la libertà di scelta può finalmente manifestarsi in modo più libero e può dividere e scegliere le proprie energie potendo distinguere il bene dal male.
La rinascita porta il cammino dell'uomo a proseguire solo con forze positive, l'equilibrio si rafforza acquistando stabilità e consapevolezza del suo stato e con l'aiuto di movimenti armonizzanti e musiche vibranti l'uomo conquista il valore universale della forza e le linee dei 21 corpi sottili interiori, cresciuti durante la fase dell'iniziazione, si uniscono tra loro.

6) La purificazione è la sesta fase dell'evoluzione spirituale terrena, dopo la rinascita l'uomo si sente più leggero e crede di aver raggiunto la fine della sua ricerca, ma non è così, ci sono ancora mille domande che attendono risposte e si sente stranamente spinto a compiere atti diversi dal suo solito, sente anche strani cambiamenti a livello riflessivo, comincia a captare che in lui coesistono l'uomo-materia e l'uomo-spirito.
Questo significa che nell'uomo si è creato uno spazio che da maggiore possibilità all'Anima di emergere.
L'anima può espandersi e portare l'uomo verso la purificazione, così l'uomo purifica il suo Io e può rafforzare il suo cammino su basi diverse.
L'uomo raggiunge la grande meta della contemplazione di sé stesso e si sente gratificato del suo nuovo cammino di vita: il seme della sapienza ha raggiunto la mente, la sua consapevole volontà è emersa e la purificazione, insieme a movimenti e musiche vibranti, lo ha arricchito del valore universale dell'umiltà ele linee dei 21 corpi sottili interiori, cresciuti con l'iniziazione e uniti tra di loro durante la fase della rinascita, si saldano.

7) La sublimazione è la settima e ultima fase del cammino spirituale terreno.
L'evoluzione fino a qui conseguita ha condotto l'uomo ad espandere la sua conoscenza, l'uomo non guarda più solo intorno al suo piccolo cosmo, il suo sapere lo porta a guardare lontano per capire la grande verità dettata direttamente da Dio al momento della nascita dell'uomo nel grande cosmo.
Dio ha parlato al cuore dell'uomo plasmato con la stessa Sua Sostanza e ha inciso in ogni cuore le Sue Parole: esse sono la verità. L'uomo a questo punto con tutte le esperienze acquisite si sente forte e fiero, ha finalmente trovato le sue radici cosmiche che lo legano a Dio, sa che fa parte di una grande famiglia universale ed entra nella via della fratellanza cosmica, finalmente sa di essere figlio di Dio, sa che nel cosmo c'è la continuità della vita e allontana da sé la paura della morte.
Questi sono i valori della sublimazione che portano l'uomo, insieme a movimenti e musiche vibranti, verso il valore universale della sapienza e i 21 corpi sottili interiori, cresciuti, uniti e saldati, si sagomano.
Sagomare i 21 corpi sottili interiori significa aver raggiunto la meta finale del cammino spirituale terreno. Ma l'evoluzione spirituale continua nell'aldilà, altri 21 corpi sottili cosmici ci aspettano.


http://www.lucedalluniverso.it/Evoluzione.html

Nessun commento:

Posta un commento

MANGIATE FUOCO E BEVETE LUCE....Omraam Mikhaël Aïvanhov

« È scritto nello Zend-Avesta che quando Zarathustra chiese al dio Ahura Mazda come si nutrisse il primo uomo, il dio gli rispose: «Mangia...